Le opinioni dei pazienti

I testi riportati di seguito sono le opinioni originali di alcuni pazienti che hanno terminato la terapia con il dott. Melis e hanno accettato di rendere pubblica la loro esperienza.
Le uniche modifiche eventualmente apportate ai testi originali consistono nella loro sintesi e nella correzione di piccole imprecisioni con lo scopo di renderli più brevi e facilmente leggibili.
La versione finale è sempre stata verificata e accettata dai pazienti.

12-07-2017 Assemini, Sara

Ho sempre sofferto di "click" alla mandibola, che ho però sempre ignorato, fino a che, quest'anno, all'improvviso, il “click” è diventato doloroso e la mia mandibola era come bloccata. Non riuscivo più nemmeno ad aprire la bocca.

Un po' titubante ho iniziato a navigare su internet e sono venuta a conoscenza del Dott. Melis e delle sue terapie, ho quindi fissato un appuntamento con lui tramite social network. Il Dott. Melis mi ha subito tranquillizzata e illustrato la terapia da seguire: antinfiammatori, un bite* e esercizi per qualche mese.

Nel giro di quattro/cinque mesi, posso dire di ritenermi pienamente soddisfatta: il “click” non c'è più, l'apertura della bocca è tornata alla normalità e non ho più dolore! Inoltre, il Dott. Melis si è dimostrato molto gentile e disponibile per ogni problema futuro, dando anche consigli su come gestire autonomamente gli eventual problemi.

 

14-12-2015 Sarroch, Giammarco

Da diversi mesi avvertivo un leggero fastidio alla mandibola sul lato destro, che si acuiva durante la masticazione. Giorno dopo giorno, il fastidio cresceva di intensità, il dolore partiva dalla mandibola e si estendeva alle arcate dentarie superiori e inferiori. Soprattutto al risveglio, il movimento di apertura della bocca mi causava molto dolore.

Per mia fortuna, attraverso la terapia prescritta dal Dottor Melis, il problema si è risolto in un paio di mesi. Un bite* fatto su misura da utilizzare la notte, un monitoraggio medico mensile, una breve terapia di antinfiammatori e qualche esercizio mi hanno permesso di mettere fine a una situazione che stava diventando molto limitante e difficile da sopportare. Non posso che essere soddisfatto del trattamento ricevuto e della relativa velocità con cui sono tornato alla normalità.

 

01-10-2015 San Sperate, Graziella

Avevo sottovalutato il “click” alla mandibola che ormai mi trascinavo da 25 anni, fino a che un giorno dopo l'ennesimo “click”, il disturbo è diventato insopportabile e doloroso. Non riuscivo più nemmeno ad aprire la bocca, avevo mal di testa e vertigini.

Presa dalla disperazione ho iniziato a navigare su internet e sono venuta a conoscenza del Dott. Melis e delle sue terapie, ho quindi fissato un appuntamento con lui.

Il Dott. Melis mi ha subito tranquillizzata e illustrato la terapia da seguire: antinfiammatori, un bite* e esercizi per qualche mese.

distanza di cinque mesi posso dire di ritenermi soddisfatta: il “click” non c'è più, l'apertura della bocca è tornata alla normalità e non ho più dolore!

 

25-11-2013 Cagliari, Alice

Da anni soffrivo di un mio disturbo alla mandibola, soprattutto la mattina non riuscivo ad aprire bene la bocca finché l’osso non “schioccava”. Questo disturbo non pregiudicava la masticazione e il parlare, ma era fastidioso e, a volte, doloroso. Quest’anno il disturbo è aumentato, dapprima con schiocchi sempre più forti e frequenti, in particolare durante la masticazione, fino a non riuscire, nell’ultimo periodo, ad aprire completamente la bocca.

Navigando su internet, per capire al meglio che tipo di disturbo avessi e se anche altre persone avessero lo stesso problema, sono venuta a conoscenza del Dott. Melis e delle terapie da lui applicate per questa patologia.

Durante la prima visita mi ha illustrato in modo molto chiaro il problema e la soluzione più idonea, ovvero l’utilizzo di un bite* durante la notte e piccoli esercizi da fare a casa. Già dal primo mese ho avuto notevoli benefici e ho riacquistato, nell’arco dei successivi 4 mesi, la piena funzionalità della mandibola.

Tuttora non si sono più verificati quei fastidiosi schiocchi, ma continuo, anche se in modo meno frequente rispetto all’inizio, ad utilizzare il bite soprattutto in periodi di maggior tensione e stress. Posso dire che sono molto soddisfatta della terapia proposta dal Dott. Melis e dei risultati ottenuti.

 

25-11-2013 Oristano, Danilo

Durante l'estate 2013 ho iniziato ad accusare dolori all'orecchio e mal di testa ricorrenti. Pensando si trattasse di qualche disturbo all'orecchio dovuto ai bagni al mare, ho inizialmente trascurato, poi, visto che la situazione non migliorava, ho deciso di fare una visita otorinolaringoiatrica. Dopo avermi visitato l'otorino ha appurato che non avevo alcun disturbo all'orecchio e manifestando il sospetto che potesse trattarsi di un problema all'articolazione temporo-mandibolare mi ha inviato dal Dott. Marcello Melis per una sua valutazione.

Durante la visita le domande del dott. Melis mi hanno portato a soffermarmi su alcune mie abitudini sbagliate che non avevo mai notato. Dopo l'accurata visita sono venuto a conoscenza che i miei mal di testa, il dolore e le sensazioni spiacevoli all'orecchio erano probabilmente dovuti al bruxismo, ossia alla mia abitudine a serrare i denti di giorno e di notte in maniera quasi inconscia. Le domande del Dott. Melis mi hanno fatto pensare che in realtà avevo sofferto di mal di testa e serramento dei denti fin dall’adolescenza e per questo avevo fatto molte visite specialistiche nel tentativo di capire l'origine di queste cefalee.

Il Dott. Melis mi ha spiegato che la possibile soluzione per il mio problema era rappresentata da un bite* che avrei dovuto indossare nelle ore notturne per ridurre il serramento notturno che mi provocava tutti quei disturbi.

Già al momento della prima visita mi è stata rilevata l'impronta delle arcate dentali, sulla quale sarebbe stato poi realizzato il mio bite personale. Dopo 10 giorni, nel secondo incontro, mi è stato consegnato il bite, che nella stessa seduta è stato perfezionato e ritoccato. Ho iniziato ad usare il bite dalla prima notte in cui mi è stato consegnato e, dopo alcuni disagi iniziali, posso dire a distanza di pochi mesi di stare molto meglio: il dolore e i fastidi all'orecchio non si sono più ripresentati e i mal di testa diventano sempre più sporadici e lievi.

Dopo la mia esperienza, quando sento delle persone raccontare di essere affette da disturbi simili ai miei, parlo sempre della mia esperienza, e mi sento di raccomandare fortemente una visita specialistica con il Dott. Melis, che per me è stata decisamente risolutiva.

 

29-06-2013 Cagliari, Monica

Il mio disturbo iniziò nel 2009 in seguito ad un incidente stradale. All'inizio era una lieve contrazione, poi con i giorni diventò un vero e proprio fastidio, finché una mattina mi svegliai con l'articolazione mandibolare che schioccava ad ogni movimento, il dolore era sempre più intenso e l'apertura della bocca limitatissima. Al pronto soccorso mi inviarono da un otorino che voleva farmi una manovra manuale di riposizionamento: scappai terrorizzata. Nei tre anni successivi passai da uno specialista all'altro portando diversi bite* sia di giorno che di notte, ma Il dolore non passava, nonostante gli antidolorifici, i miorilassanti e i bite. Qualcuno mi paventò l'idea dell'intervento chirurgico. Io intanto ero caduta nello sconforto più totale. Nessuna persona che io conoscessi aveva mai avuto a che fare con questo tipo di disturbo ed i medici a cui mi ero affidata non mi avevano aiutato granché. In tutto questo tempo persi trenta chili, la serenità ed il sonno.

Poi un giorno cercando informazioni su internet trovai il sito del Dott. Melis e, visto che il mio ultimo bite si era rotto, mi rivolsi a lui. Viste le esperienze precedenti, ammetto che andai al primo incontro con poca fiducia, ma quando entrai a parlare con lui rimasi colpita da alcune cose: la capacità d'ascolto, l'umiltà e l'onesta di questo dottore. Capì la mia instabilità emotiva, mi ascoltò attentamente e non mi promise miracoli. La cura con lui è durata quasi un anno. In questo periodo ho utilizzato due bite e mi è stato estratto un dente del giudizio che era erotto eccessivamente ed era diventato l’unico dente che toccava quando chiudevo la bocca. Anche se a tutt'oggi porto ancora il bite (perché l'ansia nello stare senza bite mi rende ancora troppo vulnerabile) e riesco a stare senza solo un'oretta al massimo, i dolori, le notti insonni e l'angoscia sono ormai un brutto ricordo.

Oggi, grazie al Dott. Melis, riesco a sbadigliare, addentare il cibo, ridere e a fare tutte quelle piccole cose che diamo per scontate. Quindi, GRAZIE ancora Dott. Melis! ...e a tutti coloro che soffrono di questi disturbi vorrei dire: “Non siete soli e sappiate che qui c'è un ottimo specialista a cui rivolgervi!”.

 

* Bite: è un dispositivo rimovibile in resina trasparente che si inserisce sui denti. Per immagini e ulteriori dettagli vedi le sezioni “Terapia” e “Bruxismo”.

** Bruxismo: è l’abitudine di stringere, serrare, e/o digrignare i denti tra loro. Per immagini e ulteriori dettagli vedi la sezione “Bruxismo”.

 

 

Opinioni dei Pazienti Test Apnee Notturne Collaborazioni Dedicato aLibro Disordini Temporobandibolari
english